Pannelli solari a muro

Per ottenere un design esterno molto pulito è possibile ricorrere all’installazione di pannelli solari in posizione verticale. Questa posizione in realtà consente meno irraggiamento in estate rispetto all’inverno, ma in estate c’è maggior disponibilità di sole e temperature ambientali maggiori, cose che concorrono agevolmente a sopperire al minor irraggiamento dovuto all’inclinazione sfavorevole. Dunque anche con questa tipologia di sistemazione si può sicuramente ottenere un impianto ben bilanciato: meno prestante d’estate e più favorevole d’inverno.

I vantaggi dei pannelli solari verticali

Infatti proprio quando il sole manca, le temperature sono rigide e la spesa energetica è massima, la resa del pannello solare in posizione verticale cresce quasi del 20%. Un ulteriore vantaggio per i pannelli solari termici in posizione verticale lo si ha nella notte: vedendo una meno ampia sezione fredda della volta celeste, esso si raffredda più lentamente. Nella determinazione dell’inclinazione ottimale non può essere data una singola soluzione generale: ogni pannello, di qualsiasi tipo si tratti, sarà più sensibile e avrà un rendimento maggiore quando i raggi solari lo colpiscono in maniera perpendicolare al piano.

Per una scelta consapevole, rivolgiti a noi

Sta a noi consigliarvi le soluzioni migliori per ottenere una media di prestazioni più elevata e per garantirvi la massima prestazione quando ne avete il massimo bisogno.
La scelta dell’orientamento del panello solare è molto importante nel caso di montaggio verticale. Infatti, tanto più la disponibilità di energia solare coincide con il momento del fabbisogno di energia, tanto più sarà la resa dell’impianto. Perciò il momento della domanda di energia può influenzare la scelta dell’orientamento ottimale.

Quali sono le applicazioni

Un’applicazione dei pannelli fotovoltaici verticali riguarda le facciate fotovoltaiche, che hanno il vantaggio di sfruttare le pareti esterne dell’edificio per produrre energia pulita, formando in genere una sorta di “controparete esterna” dell’edificio. Le pareti fotovoltaiche, anche se hanno orientamento e inclinazione dei moduli non ottimali, riescono ad avere buoni rendimenti, grazie alle loro estensioni.